VCO: DOMODOSSOLA, ARRESTATO CON 88 OVULI DI HASHISH NELLA PANCIA.

LA GUARDIA DI FINANZA DI DOMODOSSOLA HA ARRESTATO UN SESSANTATREENNE CITTADINO ITALIANO RESIDENTE A VARESE, CON IN CORPO OTTANTOTTO OVULI DI HASHISH.

15374_IMG_1
Una settimana fa i militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Domodossola hanno arrestato il cittadino italiano B. Gino, nato nel 1953, residente in provincia di Varese, arrivato presso la Stazione internazionale di Domodossola a bordo di un treno proveniente da Ginevra.
All’atto del controllo, i Finanzieri, insospettiti dall’atteggiamento dello stesso e da impercettibili particolari emersi in quella circostanza, decidevano di accompagnarlo presso il nosocomio domese al fine di scoprire, attraverso l’esame radiografico, se occultasse all’interno del proprio corpo ovuli contenenti sostanza stupefacente.
I medici dell’ospedale “San Biagio” di Domodossola confermavano il sospetto dei militari e refertavano la presenza di numerosi corpi estranei nell’addome del controllato.
All’atto dell’espulsione dei primi corpi estranei il cittadino italiano veniva prontamente arrestato per la violazione di cui all’art. 73 – comma 1 – del D.P.R. 309/90 e piantonato presso l’ospedale, come disposto dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Verbania di turno,fino alla completa evacuazione degli ovuli.
Al termine delle operazioni di evacuazione degli ovuli, durate circa una settimana, si giungeva al sequestro di complessivi 88 ovuli per un totale di 470 grammi circa di hashish ed alla convalida dell’arresto.
Nel corso dell’attività di polizia giudiziaria si veniva a conoscenza di un potenziale cliente, risultato essere il figlio dell’arrestato, residente in provincia di Varese, il quale a seguito di perquisizione domiciliare, veniva trovato in possesso di circa 45 gr. di marijuana e per tale fatto veniva denunciato alla Procura della Repubblica di Varese.
Lo stupefacente, acquistato in Marocco, avrebbe soddisfatto le numerose richieste della provincia di Varese e fruttato un indebito guadagno di circa 4.000,00 euro.
Il raggiungimento di questo brillante risultato è stato possibile grazie al prezioso supporto medico-sanitario reso dal personale dell’ospedale civile “San Biagio” di Domodossola che ha collaborato con gli inquirenti.
Questo sequestro conferma e rinnova l’impegno e lo sforzo profuso dai finanzieri della
Compagnia di Domodossola nel contrastare lo spaccio ed il traffico di sostanze stupefacenti,che viene sovente perpetrato oltrepassando il confine italo-svizzero, mediante l’utilizzo dei treni che giungono alla Stazione Internazionale di Domodossola..

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...