ROMA. PAOLO VILLAGGIO:”ORA SEI DI NUOVO LIBERO DI VOLARE”.

Roma.L’ultimo saluto a Paolo Villaggio dall’Italia che si è riconosciuta nel ragioniere Ugo Fantozzi e da quella che non si intona in quelle vesti.  Il feretro dell’attore è arrivato in Campidoglio e alle 9.30 è stata aperta la camera ardente.

19601362_1898693857038573_2054527039200679626_n

Ad attendere il feretro i familiari, il vicesindaco di Roma, Luca Bergamo, e un gruppo di persone che per prime nella mattinata hanno voluto rendergli omaggio. La camera ardente allestita nella sala della Protomoteca sarà accessibile fino alle 16.30.

Alle 18.30 l’attore,scomparso lunedì 3 luglio a 84 anni, sarà commemorato con un ricordo nel teatro all’aperto ‘Ettore Scola’ della Casa del Cinema, a Villa Borghese.

Alla Casa del Cinema alle 21.30 verrà proiettato il film “Fantozzi”di Luciano Salce con cui ha debuttato nel suo personaggio più celebre: il ragionier Ugo Fantozzi, ‘Fantozzi’ di Luciano Salce,1976, sarà preceduto da un contributo video realizzato da Paolo Villaggio.

Paolo Villaggio era nato a Genova il 30 dicembre del 1932,

è stato un attore comico,scrittore,sceneggiatore e doppiatore.

Autore e interprete di personaggi legati a una comicità paradossale e grottesca, come il professor Kranz, il timido Giandomenico Fracchia, e soprattutto il ragionier Ugo Fantozzi, maschera letteraria da cui è nata una saga cinematografica di successo.

images (58)

La sua attività di umorista, attore comico e uomo di spettacolo ha attraversato i decenni della contestazione e attraversato varie generazioni entrando nella cultura di massa degli italiani. Il percorso artistico di attore e scrittore con il libro su “Fantozzi”, con otto libri sul vicende del ragioniere,oltre a varie opere di carattere satirico.

images (60)

Ha recitato parti più drammatiche, partecipando a film di registi come Federico Fellini,Marco Ferreri,Lina Wertmùller,Ermanno Olmi, e Mario Monicelli.  Nel 1992, in occasione della 49^ Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, ricevette il Leone  d’oro alla carriera,nel 2000 il Pardo d’onore al festival del cinema di Locarno.

images (57)

I personaggi che lo hanno conosciuto lo ricordano per l’intelligenza delle sue maschere,per l’amore con cui sapeva interpretare i suoi ruoli.

Plinio Fernando: Mariangela,la figlia di Fantozzi, artista e attore,parlando con i cronisti ha detto: “Se è stato un grande onore lavorare con lui? Certo, lo ricorderò con piacere. Fare film con lui è stato una parte della vita. Interpretavo la figlia di Fantozzi ma mi piacciono le belle donne… Quando ho saputo che dovevo interpretare la figlia ho chiesto di fare un altro ruolo, ma il lavoro è lavoro. Era un lavoro come un altro”.

Milena Vukotic ricordando Villaggio,dal palco durante la cerimonia laica:”La mia cosiddetta carriera si è basata e arricchita con questo personaggio che ho interpretato e che faceva parte del mondo fantastico di Paolo”.Milena nei film con Villaggio interpretava Pina,la moglie e compagna di una vita di Ugo Fantozzi.

Alla fine della cerimonia si confessa: “quando dicevo a Ugo: ti stimo, in realtà camuffavo un grande amore”.

Anna Mazzamauro, alias la signorina Silvani,fu lui a renderla celebre scegliendola per interpretare la famosissima zitella di cui “Fantozzi” era perdutamente innamorato nella serie incentrata sulle avventure del ragioniere.

Le sue sceneggiature la rappresentavano come una donna bella e impossibile con lo sfortunato ragioniere innamorato ma che, a causa della sua goffaggine,non  riuscì mai a conquistare.

La notizia della morte di Villaggio per  l’attrice romana ha rappresentato la fine di un epoca e  ha voluto ricordarlo con un post sul profilo di facebook,firmandosi Anna Silvani: “È morta anche la mia giovinezza. Fantozzi è stato l’unico uomo che mi abbia veramente amato“.

images (62)

Anna Mazzamauro in un intervista del 2011 al Messaggero Veneto aveva raccontato come era finita a interpretare il ruolo della signorina Silvani, il rapporto con Villaggio nella vita reale non era mai stato travolgente,ma tra loro c’era molta stima artistica:”Non siamo mai stati amiconi. Per dirla in una parola non l’ho mai amato. Nel senso di travolgente passione. Come artista, tantissimo. Paolo è un genio. E su questo non ho alcun dubbio. Soltanto un genio poteva creare Fantozzi“.

Oggi è stato il giorno dei funerali laici di Paolo Villaggio. Il feretro è arrivato in Campidoglio, dove è stata allestita la camera ardente, nella sala della Protomoteca,alla presenza dei familiari tra cui il figlio Pierfrancesco, che ai giornalisti ha detto: “Tutto questo gli sarebbe piaciuto ne sarebbe felicissimo”. “Lui mi ha sempre detto: la vera sfortuna sarebbe morire durante i mondiali perché non mi si fila nessuno”.

images (59)

Beppe Grillo Davide Casaleggio  hanno voluto fare le condoglianze di persona ai familiari. Pierfrancesco Villaggio conversando con i giornalisti ha riferito: “Beppe Grillo è stato gentile, mi ha detto che gli dispiace. Io gli ho detto mi raccomando confido in voi. Anche a mio padre piacevano i 5 Stelle“.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...