ROMA.AMMINISTRATIVE:” FUGA DALLE URNE” E DA UNA POLITICA AUTOREFERENZIALE.

La vittoria elettorale è sempre di scena,la sconfitta mai,ma analizzando i dati delle amministrative la lista che ottenuto il maggior numero di consensi è stata la lista dell’astensione che a gran voce può cantare ancora una volta vittoria.

Rigurgiti qualunquisti dell’antipolitica che non ha risparmiato nessuno,neppure quelli che dell’antipolitica contro la casta hanno fatto la loro bandiera,insomma ancora una volta hanno vinto tutti e nessuno ha perso.

La catastrofe a Cinque Stelle,fuori da tutti i ballottaggi,nonostante l’intervento massiccio sulla scena locale del suo guru,Beppe Grillo. Il crollo di Forza Italia, mascherato dalla rinascita del centrodestra a trazione leghista. L’ emorragia di voti del PD che paga senza mezzi termini le divisioni e le scissioni di questi mesi,l’incapacità di costruire un soggetto politico in grado di dialogare tutte le anime del partito,sempre più arroccato e ripiegato su se stesso e sul suo segretario,Matteo Renzi.

Federico Fornaro, senatore mpd e grande esperto di flussi elettorali
spiega che,nell’ultima tornata elettorale, c’è un dato molto allarmante : “È ripresa la
fuga dalle urne degli italiani. Nei 1005 comuni chiamati al voto la percentuale di
votanti è stata del 60,07 per cento contro il 66,85 per cento delle precedenti elezioni.
Tendenza all’incremento dell’astensionismo che si rileva anche nei 25 comuni
capoluogo di  provincia che passano da una media del 64,96 per cento al 58,68 per
cento del 2017″.
E mentre i politici cantano vittoria e si ubriacano con dichiarazioni di vittoria con
l’unità politica destre intorno al capo Berlusconi
Matteo Renzi che preferisce non commentare e senza preavviso si reca in visita nelle
zone terremotate.Il M5S per bocca del “futuro presidente del consiglio”,Luigi Di
Maio,parla di vittoria un po alla volta,con calma,molta calma.
Intanto i transfughi della cabina elettorale pensano su quale barcone si meglio
imbarcarsi per prendere la via del mare lontano dalle chiacchiere di politici che
rappresentano se stessi e sproloquiano con frasi fatte e autoreferenziali.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...