Mese: Maggio 2017

MONACO. DOPPIETTA DI HIGUAIN,IL PIPITA, E LA JUVE SI PRENOTA PER LA FINALE DI CHAMPIONS LEAGUE.

 

Allegri finito il match con il Monacò ha potuto tirare un sospiro di sollievo e in conferenza stampa ha dichiarato:“Siamo contenti, ma ora dobbiamo concentrarci sul match di ritorno: loro non avranno nulla da perdere”.

Ha proseguito elogiando la difesa della Juventus. “Barzagli ha fatto una partita straordinaria, ma in generale tutti i difensori hanno giocato benissimo. Nel primo tempo abbiamo fatto bene soprattutto all’inizio, poi loro sono venuti fuori. Possiamo far meglio dal punto di vista tecnico, ma era una partita molto difficile perché loro giocano molto sulla verticale”.

Il numero 1 si è confermato anche questa sera Gigi Buffon,il portiere tra i portieri;“Buffon? Quando ci sono partite così importanti lui c’è sempre, è ancora il migliore al mondo. Sono arrabbiato con Pjanic, per le qualità che ha può diventare uno dei tre centrocampisti più forti al mondo, ma deve evitare certi errori e certi atteggiamenti mentali”.

SASSARI. 100° GIRO D’ITALIA SEQUESTRATI 35.000 GADGET NON AUTORIZZATI.

ImageServer
La Guardia di Finanza di Sassari ha sequestrato a Sassari 35.000 gadget privi delle autorizzazioni amministrative. L’operazione si inquadra nelle misure di controllo del territorio disposti e coordinati dal Comando Provinciale di Sassari. Per l’imminente 100° Giro d’Italia sono stati  intensificati i controlli  e la Compagnia della Guardia di Finanza di Alghero ieri ha sequestrato oltre 35.000 gadget messi in vendita senza le previste autorizzazioni amministrative.L’attività di controllo mirata al controllo dei mezzi navali in arrivo sull’isola ha individuato a Porto Torres alcuni soggetti,già noti ai militari,che  viaggiavano su un furgone e due autovetture..

Il comportamento dei tre ha attirato l’attenzione dei finanzieri che immediatamente hanno attivato un servizio di pedinamento terminato ad Alghero, nelle vicinanze delle aree destinate  alla inaugurazione dell’evento ciclistico.Le fiamme Gialle dopo l’esposizione della merce da parte dei tre facevano scattare i controlli. La merce composta da gadget legati al Giro d’Italia risultavano essere privi delle necessarie autorizzazioni amministrative, pur essendo i tre commercianti ambulanti.
Gli ambulanti venivano condotti nella caserma di via Garibaldi per gli accertamenti;alla successiva perquisizione i militari verificavano che i gadget rosa posti in vendita e trasportati nei mezzi di tre ambulanti, erano del tutto simili a quelli commercializzati dai rivenditori ufficiali autorizzati.

La G. di F.  procedeva al sequestro amministrativo della merce e  comminare ai tre sanzioni amministrative per migliaia di euro.
La Compagnia della Guardia di Finanza di Alghero con l’approssimarsi della stagione estiva incrementerà l’attività di controllo del territorio, la lotta alla contraffazione e all’abusivismo che normalmente aumenta con la stagione estiva.

NAPOLI. ERCOLANO LA FOTO CHE SCANDALIZZA I PRODUTTORI DI FANGO QUOTIDIANO.

Sospetti sul boom che avrebbe consegnato cinquemila voti degli oltre 1.850.000 votanti alle primarie al partito di Renzi. Un migrante nel video di Fanpage: “Condotti a votare”. In un altro video una aspirante alla notorietà si è vantata di aver votato ben 5 volte in diversi seggi di Milano. “Peccato che la “giornalista” abbia omesso di specificare che all’atto dell’iscrizione on line ha fornito falsi indirizzi di residenza e di aver mentito agli accertatori nella fase di controllo dei documenti.Una altra chicca dei produttori di fango l’intervista a due zingarelle che dichiararono:” Con i furti guadagniamo 1.000 euro al giorno” peccato che quel giorno avevano guadagnato solo 20 euro,quelli che la”giornalista” gli aveva elargito per dichiarare che ne guadagnavano almeno 1.000.

Se la nostra “giornalista” avesse dichiarato il falso in una normale consultazione elettorale sarebbe in galera a meditare sul suo operato.

231749023-6005283b-88b3-4d5e-9364-cf9a8c1e0ff9

La vecchia destra si evolve e per farlo non guarda ai costi.  I migranti del Cas ai piedi del Vesuvio,centro di accoglienza straordinaria per i richiedenti asilo,secondo il resoconto di alcuni organi informazione nazionale pare abbiano potuto votare. Come abbiano fatto,con quali documenti,con quale iscrizione ad una qualsiasi circoscrizione elettorale non si sa,non ce lo hanno spiegato,ma pare abbiano votato.  Il “primato” dei 5 mila votanti di Ercolano, la città degli Scavi e del Vesuvio, sono sicuramente un record nazionale. il comune è governato dal renzianissimo  sindaco, l’avvocato Ciro Buonajuto.

Dal vulcano, racconta un giovane nero, elettori sarebbero stati “prelevati” e indotti “a votare per Renzi, il racconto ovviamente anonimo e non verificabile con due euro di compenso. La presunta maledizione delle primarie a Napoli e dintorni che negli anni ha accompagnato le primarie,ma solo quelle del PD,gli altri non le fanno.  Nel 2011, i “cinesi” del fu candidato sindaco Andrea Cozzolino in lotta contro Umberto Ranieri,  l’ex delfino di Giorgio Napolitano. I gazebo annullati senza esiti ufficiali. Oggi, gli “africani” del Vesuvio.

 

Il resto è cronaca. Cronaca fatta di fango da parte di gente che non ha nulla da proporre e allora va bene il cinese,va bene il nero, va bene la zingarella,va bene tutto purchè il fango sia sparato contro l’unica istituzione popolare e democratica che nessun altro vuole,da Grillo a Berlusconi,le “Primarie” per scegliersi il leader e la dirigenza del partito.

ALESSANDRIA. PASQUALE SENSIBILE NUOVO DS DEI GRIGI.

DSC_1980

Segnali di cambiamento per i grigi,nuovo il ds designato dal presidente Luca DiMasi Con il cambio di ds il presidente Luca Di Masi. Di Masi presentando il nuovo ds ha dichiarato che con il nuovo ds: “Io non mollo, rilancio. I Grigi ci guadagnano con Pasquale Sensibile”. Luca Di Masi ha deciso di tenere l’ex ds anche dopo l’esonero di Braglia perchè era necessaria una guida tecnica che è stata scelta dall’ex Magarini. Però era da tempo che desideravo portare Sensibile dentro la società a fare calcio con lui. Ci conosciamo da qualche anno, ci siamo parlati spesso, con lui mi sono confrontato su alcune decisioni”.

L’arrivo dell’ex ds di Novara e Sampdoria,è stato anticipato solo di alcune settimane   rispetto a progetto di cambiamento in atto. Una accelerazione e un segnale che Di Masi ci tiene a rimarcare: “Certo che lo è. Io non mollo, anzi continuo sempre più convinto. Non mollo, insisto, e rilancio”. Il presidente è stato devastato e scioccato dalla gara con la Lupa Roma. Soffre e si vede, “anche io che sono un ottimista faccio molta fatica. E capisco i tifosi. Se sabato verranno per contestare, li comprenderò”.”Il cambio di ds non è perché pensiamo già al prossimo campionato. La stagione non è finita”. Di Masi mostra di non essere pentito delle parole dette dopo la partita con il Renate:”Perché il mio intervento  era fatto di due parti: prima di tutto fare noi il nostro dovere, cioè vincere, con la convinzione che il Livorno avrebbe fatto la sua parte. La mia, adesso, non è una risposta a Protti. Forse avrei dovuto caricare ancora di più la nostra gara”. La Racing Roma diserterà la partita con la Cremonese regalando la promozione diretta alla cremonese,beffando l’Alessandria,ma per Di Masi non è così: “Ho parlato proprio oggi con il presidente di Lega Pro Gabriele Gravina: il patron della racing si è sfogato, ma la squadra andrà. Con quali giocatori? C’è una norma che chiede di schierare sempre la migliore formazione. E, comunque, prima di tutto noi dobbiamo pensare al Pontedera”. “Se la gente deciderà di non venire, comprenderò anche questo. Per amore dei Grigi, però, sarebbe importante, e sarebbe bello, vivere ancora insieme questa attesa e questa gara”. “La gara l’Alessandria la giocherà con la maglia grigia. Puntualizza, in un comunicato, che contrariamente a quanto sostenuto da una persona alla conferenza stampa, non ha mai chiesto, né con uno scritto, né a voce, di non indossare la prima maglia. E se dovessero essere playoff, i Grigi li giocheranno al Moccagatta: spostato in avanti l’inizio dei lavori allo stadio”.

TORINO. ANCORA POLEMICHE DOPO GLI SCONTRI DEL 1° MAGGIO.

download (3)

Gli scontri del 1° maggio tra polizia e centri sociali sono continuati sui social . Su Facebook la grillina Albano si scaglia contro i sindacati. Il Pd risponde: “Appendino rompa il silenzio e chieda scusa”. La sindaca annuncia: “Riferirò domani in Consiglio comunale”. Gli antagonisti “avvertono” i Cinque Stelle: “Non smorzate i toni”

I tafferugli di Torino non mancano di suscitare altre polemiche. A lanciare accuse e strali e a fare liste di proscrizione è questa volta la grillina Daniela Albano,professoressa di scuola superiore e consigliera comunale: “via i sindacati dalle piazze scrive in un post su facebook”.”Non dobbiamo più concedere la piazza ai sindacati” e pubblica una foto dei tafferugli.”E come ogni primo maggio i sindacati preferiscono parlare ad una piazza vuota piuttosto che ricevere qualche contestazione” prosegue la  professoressa. Ma sulle polemiche per gli scontri tra antagonisti e forze dell’ordine per Mimmo Carretta e Saverio Mazza rappresentano una “giornata veramente triste”.

 Il movimento 5 stelle in un post su facebook ha scritto:
18194800_1095100113929574_7132967573965536423_n
 SCONTRI TRA POLIZIA E MANIFESTANTI DURANTE IL CORTEO DEL 1 MAGGIO. M5S CHIEDERA’ SPIEGAZIONI PER INDIVIDUARE LE RESPONSABILITÀ.
Questa mattina, durante il corteo organizzato in occasione della Festa dei Lavoratori, senza apparente motivo, la polizia ha caricato i gruppi di manifestanti.
Commenta il Capogruppo Alberto Unia m5s : “Si sarebbe dovuto evitare. Chiudere la piazza e non consentire a qualcuno di poter manifestare il dissenso, crea tensioni inutili che minano il processo democratico”.
“La situazione era tranquilla e lasciar manifestare sarebbe stata la soluzione migliore, per questo stavo cercando di mediare tra polizia e manifestanti durante il corteo, ma non sono stata ascoltata ed è partita la carica e sono stata anche io colpita dalla polizia” – ha dichiarato la Consigliera comunale Maura Paoli.
100812399-cca9800c-e0df-4cb9-b425-34032d2deec3

I sindacati dopo i fatti del 1° maggio hanno reagito con un comunicato sindacale

congiunto:

18222369_10213370993373298_3806854841218266374_n