Mese: Maggio 2017

QUARGNENTO. XXXIV EDIZIONE DEL PALIO DELL’OCA BIANCA.

IL COMITATO “AMICI DEL PALIO” DELL’OCA BIANCA DI QUARGNENTO(AL)  RINGRAZIANO QUANTI HANNO CONTRIBUITO ALLA REALIZZAZIONE DELLA XXXIV EDIZIONE DEL DEL PALIO DELL’OCA BIANCA DI QUARGNENTO.IL PROGRAMMA DEL PALIO DOPO I BANNER PUBBLICITARI.

bozza_palio_oca_rev03-(1)

SETTE LUIGI BARBIERE

via Valente,5 15044 Quargnento

RISTORANTE AI QUATTRO GATTI

NON SOLO PORTE

Strada Alessandria 14/A 15044 Quargnento

EURONUMA

Strada Alessandria,14 15044 Quargnento

MODINI

Strada Alessandria 12 15044 Alessandria

PUCCIPLAST

Strada Alessandria,9 15044 Quargnento

COMUNE DI QUARGNENTO

Piazza 1° Maggio 15044 Quargnento

 

L’EMPORIO di ANNALISA TESCARO

Piazza 1° Maggio 16-Quargnento 15044     Tel. 0131 2199 63

BAR TABACCHI CAVALLO D’ORO di Genovese Claudia

Piazza 1° Maggio, 12 15044 Quargnento

FARMACIA Gatti dott.Franco

via G.Corrente, 26 15044 Quargnento

PROGRAMMA DEL PALIO DELL’OCA BIANCA:

Quargnento per tradizione il 1° maggio è il giorno in cui viene presentato il Palio dell’Oca Bianca che quest’anno si terrà sabato 20 maggio 2017 con la sfilata storica notturna,(dalle ore 21.30), in costumi dell’epoca e le esibizioni in piazza del gruppo storico del rione San Secondo del Palio di Asti e le danze delle dame di Camelòt.La sfilata storica si snoderà nelle vie del borgo alla luce delle fiaccole accompagnata dai tamburini e gli sbandieratori del rione San Secondo di Asti.Seguirà la festa in piazza con l’esibizione dei figuranti del rione S.Secondo in duelli all’arma bianca e a seguire le danze delle dame di Camelòt.

La domenica il borgo di Quargnento sarà invaso dal mattino dai pittori che si contenderanno il premio della 8^ estemporanea di pittura dedicata al pittore Carlo Carrà,”La strada di casa”.

Per l’intera giornata di domenica 21 maggio 2017 la Basilica minore di San Dalmazio è aperta al pubblico che oltre al chiostro e agli affreschi potranno visitare il campanile con la guida esperta dei campanari del Monferrato,che dalle ore 11.00 e per tutta la giornata scandiranno le ore con i rintocchi delle campane.

Alle 9.30 la sfilata e mostra della fiat 500 d’epoca del club delle 500.

La giornata prosegue al pomeriggio dalle ore 15.00 con l’esibizione della Urban Style AL A.S.D.

Il gruppo degli sbandieratori del rione San Secondo del Palio di Asti e i falconieri si esibiranno dalle ore 15.45.

lle 17.00 l’esecuzione dei giochi,coordinati da Marik animazioni,per l’assegnazione del 34° Palio dell’Oca Bianca. I giochi che vedranno impegnati i ragazzi e gli adulti dei 4 rioni,Pont,Pra slà,Cavalera e Crusetta e zola,che da alcuni anni sostituiscono la corsa delle oche per rispetto della dignità e dell’incolumità degli animali,un tempo impegnati nella corsa per la conquista del Palio.

Il tiro alla balestra,alle ore 18.00, per vincere un oca “vera” messa in palio per il primo classificato.

La premiazione dell’estemporanea di pittura alle ore 18.30 sotto il tendone a fianco della Basilica.

La cena alle  ore 19.30 nel cortile dell’oratorio Don Bosco con intrattenimento musicale e concerto del gruppo musicale “SoundCheck”.

wp-1490946318598.jpg

TORINO. NASCE IL RIMBORSO EASY

COMUNICATO STAMPA

 

Il portale che tutela i passeggeri aerei gratuitamente finalmente on line

Listener (1)

 

EasyRimborso, società leader nel campo dei rimborsi e dei risarcimenti causati da ritardi aereivoli cancellatioverbookingbagaglio danneggiatoin ritardo o smarrito, è un progetto elaborato da giovani avvocati italiani con l’unico obbiettivo di tutelare i vostri diritti di passeggero.

Tramite il nuovo portale, facile da usare ed intuitivo nei contenuti, potete chiedere il vostro rimborso che, grazie alle direttive europee, gli importi possono variare dalle 250 € alle 600€ per singola pratica.

Inoltre, per i casi risolti con esito favorevole, Easyrimborso concederà un ulteriore bonus fedeltà di € 40.

 

 

Ulteriori informazioni www.easyrimborso.it

ALESSANDRIA. CITTA’ DI ALESSANDRIA COMUNICAZIONI.

CITTÀ DI ALESSANDRIA

Piazza Libertà n. 1 – 15121 Alessandria – Cod. fisc. e P.IVA   00429440068

DIREZIONE AFFARI GENERALI, POLITICHE EDUCATIVE, CULTURALI E SOCIALI

–   SERVIZIO SISTEMA EDUCATIVO INTEGRATO –

  • UFFICIO GESTIONE AMMINISTRATIVA E DIRITTO ALLO STUDIO   – 

P.E.C. : comunedialessandria@legalmail.it

Tel. 0131 / 515.462 – 515.107-  Fax  0131 / 515.355

 

 

                                                                  All’Ufficio Stampa

 

All’Aristor s.r.l.    FAX: 0131246514

 

Ai Nidi d’Infanzia Comunali, Scuole dell’Infanzia

Comunali e Sezione Primavera

 

COMUNICATO

 

Si comunica che in occasione dello sciopero nazionale di 24 ore del personale delle Pubbliche Amministrazioni indetto da FSI-USAE con sede in via E. Franceschini, 73 – Roma per la  giornata di:

 

VENERDI’  12 maggio 2017

 

 

RESTERANNO REGOLARMENTE  APERTI:

 

TUTTI I NIDI D’INFANZIA COMUNALI:

 Arcobaleno,  Il Girasole, Il Girotondo e Trucco

 

TUTTE LE SCUOLE COMUNALI DELL’INFANZIA

(Bramante, Il Giardino dei colori, La Cascina dei sogni, Il Girotondo, Il Brucomela e La Girandola)

e

LA SEZIONE PRIMAVERA “Il Brucomela”

 

 

 

Alessandria, 08 maggio 2017

 

                                                                                                          La Responsabile del Servizio

                                                                                                               Dr.ssa Vittoria Gallo   

                                  

                       

ROMA. LA GUARDIA DI FINANZA INDIVIDUA 885 BENEFICIARI DI FALSE AUTOCERTIFICAZIONI PER PRESTAZIONI FARMACEUTICHE E SPECIALISTICHE.

ROMA, 9 maggio 2017. LE OPERAZIONI DELLA GUARDIA DI FINANZA PROSEGUONO CON L’OPERAZIONE “TICKET SANITARI” PER PREVENIRE E REPRIMERE CONDOTTE DI INDEBITE ESENZIONI DAL PAGAMENTO DEL TICKET SANITARIO. NEL CORSO DELLE INDAGINI SONO STATI INDIVIDUATI 885 PERSONE CHE, TRAMITE FALSE AUTOCERTIFICAZIONI, HANNO BENEFICIATO DI PRESTAZIONI FARMACEUTICHE E SPECIALISTICHE A CARICO DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI PER OLTRE 800 MILA EURO.

images (7)

Le indagini della G.di F. in collaborazione con la Ragioneria Generale dello Stato,Ispettorato Generale per la Spesa Sociale, il Nucleo Speciale Spesa Pubblica e Repressione Frodi Comunitarie del Corpo, sulla base dei dati forniti dal Dipartimento del Ministero dell’Economia e delle Finanze hanno consentito di fare luce su un diffuso sistema di indebito accesso al beneficio dell’esenzione dal pagamento del ticket sanitario per ragioni di reddito.

L’azione di polizia finanziaria della GDF, svolta sull’intero territorio nazionale con riferimento agli anni 2011, 2012 e 2013, ha interessato una platea di oltre 1000 persone, analiticamente selezionate e sottoposte a controllo dalle Fiamme Gialle di tutta Italia.

Gli assistiti “attenzionati”, sia italiani che stranieri, sulla base di false autocertificazioni relative al reddito del proprio nucleo familiare, hanno avuto accesso all’esenzione dal pagamento del ticket per prestazioni farmaceutiche e medico specialistiche, sottraendosi alla prevista partecipazione alla spesa del Servizio Sanitario Regionale, indipendentemente dalla reale posizione economica rivestita, dimostratasi migliore rispetto a quanto comunicato.

Nella rete dei controlli dei militari sono finite persone di tutto lo Stivale che hanno beneficiato di esenzioni, certificando situazioni reddituali prossime all’indigenza a fronte di condizioni economiche (possesso di immobili, di autovetture di lusso e imbarcazioni, anche eseguendo operazioni finanziarie speculative) assolutamente floride.

Questi alcuni casi più eclatanti: una 78enne, residente nel varesotto, ha beneficiato di esenzioni per 1000 euro, ma ha movimentato capitali da e per l’estero per 1,3 milioni di euro, con la disponibilità di terreni e immobili per oltre 150 mila euro; un’altra 78enne, residente nella Capitale, ha ottenuto esenzioni per 1500 euro, ma ha pure effettuato movimenti di capitali da e per la Svizzera per 70.000 euro; un 68enne, residente in provincia di Napoli, ha beneficiato di esenzioni per 1700 euro,ma ha anche conseguito interessi su investimenti finanziari per 20.000 euro;  un 56enne ed una 71enne, residenti in provincia di Taranto, hanno usufruito di esenzioni rispettivamente per più di 1700 e 1900 euro, pur avendo la disponibilità di diverse unità immobiliari e terreni, l’uno, ed avendo operato movimenti di capitale, l’altra. L’attività a tutela della spesa pubblica condotta dai finanziari ha interessato tutto il territorio nazionale, permettendo di: accertare 885 casi di irregolarità; constatare l’omesso pagamento del ticket sanitario per oltre 800 mila euro;  irrogare sanzioni amministrative per circa 1 milione di euro, in relazione all’illecito previsto dall’art. 316 ter, 1°comma, del c.p., sanzionato amministrativamente dal 2°comma del medesimo articolo (indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato)

PERUGIA. OPERAZIONE ECLISSI E CLEANING DELLA GUARDIA DI FINANZA,SEQUESTRATI 3 MILIONI DI EURO.

LA GUARDIA DI FINANZA PERUGIA NELL’AMBITO DELLE OPERAZIONI “ECLISSI” E “CLEANING” CON L’AGGRESSIONE AL PATRIMONIO ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA HA EFFETTUATO SEQUESTRI E CONFISCHE DI BENI PER QUASI 3 MILIONI DI EURO.

images (3)

I finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Perugia hanno dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo, finalizzato alla successiva confisca ai sensi dell’art. 12 sexies del D.L. 306/92, emesso dal GIP del Tribunale di Perugia nei confronti di un pluripregiudicato di origine calabrese, indagato per associazione a delinquere di tipo mafioso, traffico di sostanze stupefacenti, estorsione e riciclaggio dei proventi illeciti, operante sia in Umbria che in tutto il territorio nazionale.

I beni sottoposti a sequestro preventivo sono una villa con relativa corte pertinenziale, un alloggio e un terreno in provincia di Perugia su cui è in corso di costruzione un residence, quattordici automezzi, disponibilità bancarie e quote societarie di ben 6 imprese, per un valore complessivo stimato in circa due milioni di euro.

I beni sono stati affidati ad un amministratore giudiziario che ne curerà la custodia e l’amministrazione, in attesa della confisca definitiva.

Il sequestro è stato attuato dopo una articolata attività d’indagine, denominata “ECLISSI”, volta a ricostruire la situazione economica e patrimoniale dell’uomo, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Perugia.

Gli accertamenti del GICO del Nucleo PT di Perugia hanno permesso di individuare il cospicuo patrimonio, frutto del riciclaggio di capitali di provenienza illecita, in parte fittiziamente intestato dal pregiudicato ai propri familiari ma, di fatto, nella sua piena ed incondizionata disponibilità.

Le indagini hanno consentito la ricostruzione analitica dei flussi di denaro e dei singoli investimenti effettuati, dimostrando un’evidente sperequazione tra redditi leciti, dichiarati al fisco, e l’incremento patrimoniale accertato.

L’analisi ha permesso di riscontrare che gran parte dei guadagni dell’attività illecita venivano riciclati per acquisire la gestione e il controllo di attività economiche, con particolare riferimento al mercato immobiliare, all’edilizia ed agli appalti.

L’operazione “ECLISSI” rappresenta solo l’ultimo dei risultati raggiunti dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Perugia concentrati sull’aggressione ai patrimoni illecitamente accumulati dalla criminalità organizzata. I militari del GICO del Nucleo PT di Perugia hanno dato esecuzione ad altre due ordinanze di confisca, ai sensi dell’art. 12 sexies del D.L. 306/1992, emesse dal locale Guardia di Finanza Comando Provinciale di Perugia Tribunale nei confronti di due pluripregiudicati calabresi, condannati nel 2009, con sentenza passata in giudicato, per vicende legate ad un traffico di sostanze stupefacenti che ha interessato il capoluogo umbro.

provvedimenti cautelari, eseguiti tra maggio 2016 e marzo 2017, hanno riguardato una villetta, due appartamenti e due terreni, ubicati nelle Province di Perugia e Crotone,6 autovetture, un motociclo, disponibilità bancarie e quote societarie, per un valore complessivo di circa 850 mila euro.

L’indagine,denominata “CLEANING”, ha permesso di individuare un cospicuo patrimonio, frutto del riciclaggio di capitali illeciti, intestato dai condannati ai propri familiari ma, di fatto, nella loro piena ed incondizionata disponibilità, in evidente sperequazione con i redditi ufficialmente dichiarati.

I beni confiscati sono stati rimessi nella disponibilità dell’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata. Le operazioni si inseriscono in un più ampio contesto di aggressione dei patrimoni illecitamente accumulati dalla criminalità organizzata da parte del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, in sinergia con la Procura della Repubblica di Perugia, diretta dal Procuratore Dott. Luigi DE FICCHY.

La collaborazione si estende anche al contrasto delle frodi fiscali, delle truffe, degli illeciti in materia di spesa pubblica nazionale e comunitaria, del riciclaggio di denaro, nonché della corruzione e dell’illegalità nella Pubblica Amministrazione e dei reati fallimentari.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: