ROMA. MATTEO RENZI SU APE,G7 E ALTRO.

1. Concretezza.
In queste ore mi stanno arrivando molte email e messaggi di chi può finalmente scegliere l’APE, cioè l’anticipo pensionistico, e andare in pensione un po’ prima dei limiti previsti dalla Fornero. Ci abbiamo lavorato a lungo, come sapete. E finalmente ci siamo. È una scelta volontaria e solo per alcune categorie. Ma ci siamo.
Come ci siamo sul bonus mamme (qui il video).
Come ci siamo sul bonus asili nido (qui il video).
Come ci siamo sul bonus per i 18enni. La scorsa settimana vi ho raccontato del servizio di Striscia la Notizia su un uso disonesto del bonus. Oggi invece vi invito a guardare l’altro lato, che magari non fa scalpore, ma è il motivo per cui il bonus è nato. Già 340.000 neo maggiorenni hanno utilizzato il bonus e il 70% delle risorse è stato utilizzato per acquistare libri.
Come ci siamo sulle iniziative per le periferie e per gli investimenti: oggi il premier Gentiloni ha firmato il DPCM da 47 miliardi di “tesoretto” contenuto nella Legge di Bilancio approvata alla fine dei mille giorni. Concretamente, passo dopo passo, i risultati arrivano. Non mi stancherò mai di far notare come la differenza tra un populista e un politico è che il populista enuncia un problema, un politico lo risolve.

2. Incanto.
Si è svolto il G7 a Taormina. Al netto della difficile discussione sul merito, lasciatemi dire che le immagini di incanto e bellezza che arrivavano dal teatro Greco sono state magnifiche e apprezzate in tutto il mondo. Grazie dunque a chi ha reso possibile questo evento, lavorandoci in modo incessante e proficuo, e grazie agli abitanti della Sicilia.

3. E poi finalmente BOB.
Domani il PD riunisce la Segreteria e la Direzione. Da domani trovate sull’Apple Store per iOS e Play Store per Android la app del PD, prima tappa del più complesso progetto BOB. Da mercoledì mattina tutte le mattine alle 9 su Facebook e sulla App potrete seguire un quarto d’ora di punto della giornatacon un dirigente del PD (il primo, mercoledì 31, sarò io: finalmente conduttore TV!). Dal 5 giugno invece alle 18.30 e tutti i giorni dal Nazareno potrete seguire gli approfondimenti in Terrazza sui principali argomenti dell’attualità. Primo tema: la sicurezza, partecipa Marco Minniti.
Ma il progetto BOB ha bisogno dell’aiuto di tutti a cominciare dall’individuazione di un responsabile digitale per ognuno dei seimila circoli del PD: con il responsabile dell’organizzazione, Andrea Rossi, nei prossimi giorni coinvolgeremo i singoli animatori territoriali. Coniugare la più forte rete di iscritti con una innovativa presenza digitale è la scommessa del nuovo PD. Vuoi darci una mano? Scrivici: bob@partitodemocratico.it

4. Lavoro, non assistenzialismo.
Vorrei che ciascuno di voi potesse impiegare cinquanta secondi – non uno di più – per ascoltare queste parole di Papa Francesco. L’obiettivo non è creare un assegno o un sussidio per tutti, sulla base del cosiddetto reddito di cittadinanza, ma dare lavoro a tutti. E farlo si può investendo nella crescita e aiutando quegli imprenditori che non siano sfruttatori. Ma non si può aver paura della tecnologia e del futuro, mai. Vi prego: se avete meno di un minuto ascoltate le parole chiarissime di Papa Francesco. Parole che non vogliamo strumentalizzare ma che vogliamo ascoltare.

5. Decisione.
La legge elettorale della Germania non è la mia preferita, anzi. Tuttavia in queste ore molti partiti tra quelli che hanno sostenuto il no al referendum del 4 dicembre la stanno indicando come proposta al Paese (Forza Italia, Movimento Cinque Stelle, Lega Nord, Sinistra Italiana, per esempio: uniti dalla stessa proposta). Il PD non ha i numeri da solo. Ma se dobbiamo andare sul modello tedesco che sia tedesco anche nella soglia di sbarramento al 5% (così da limitare il numero dei partitini in Parlamento). E che ci siano i nomi sulla scheda: voglio sapere almeno il nome e il cognome di chi voto.
Mi piacerebbe molto che chi di voi ha il tempo leggesse l’intervista che ho fatto ieri a Barbara Jerkov del Messaggero: la trovate qui, graditi i vostri commenti.

Pensierino della sera. Tante le emozioni che ci ha regalato la domenica sportiva appena trascorsa. Dalla doppietta Ferrari a Montecarlo fino al centesimo Giro d’Italia conclusosi al fotofinish. Ma sicuramente per molti di noi l’emozione dell’addio alla Roma di Totti ha lasciato il segno. Condivido anche qui la riflessione che ho postato stamattina su facebook:
E comunque i video di Francesco Totti, del suo saluto, del passaggio della fascia di capitano emozionano anche uno come me che non è e non sarà mai romanista.
Immagino adesso i soliti commenti: “ah, con tutti i problemi che ha l’Italia, questo parla di Totti”.
Critichi pure chi vuole criticare ma la magia dello sport è la condivisione delle emozioni, non solo i risultati. E nel calcio le bandiere sono sempre meno ma segnano la storia: ricordo ancora le mie lacrime di bambino per Giancarlo Antognoni. Totti è stato una grande bandiera e le emozioni di ieri all’Olimpico sono straordinarie. Sono emozioni giallorosse, è ovvio. Ma non si offendano i romanisti: sono emozioni che hanno anche i colori di un’intera generazione, la nostra.
Il calcio è bello anche per questo.
Onore a Francesco Totti, viva le bandiere del calcio
.

Un sorriso,
Matteo
blog.matteorenzi.it
matteo@matteorenzi.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...