TORINO. SPUNTA LA ZTL A PAGAMENTO IN CENTRO.

LA NUOVA ZTL DI TORINO E’ ALLO STUDIO DELLA GIUNTA GRILLINA DI TORINO,SE VUOI CIRCOLARE IN CENTRO CON L’AUTO DEVI PAGARE,IN SINTESI QUESTA E’ LA RIVOLUZIONE PENTASTELLATA PER RIDURRE L’INQUINAMENTO E IL TRAFFICO IN CENTRO.

download-81

L’assessore,Maria Lapietra, è in visita in questi giorni a Firenze e Pisa per studiare i sistemi e le Ztl delle due città toscane. La giunta guidata da Chiara Appendino pensa di poter presentare a fine marzo e inizio aprile il nuovo progetto della  Ztl di Torino.Il progetto sarà condiviso con le circoscrizioni, i cittadini e le associazioni di categoria. La rivoluzione dovrebbe,stando a indiscrezioni,prevedere un orario lungo,il numero prestabilito di ingressi a pagamento al mese;i prezzi dovrebbero variare tenendo conto dell’Isee,per l’occasione portare con se il documento che attesta se siete richi o poveri, e del veicolo che intende utilizzare la Ztl applicando il principio:più inquini più paghi e così il tasso di inquinamento crolla,le polveri sottili si abbattono pagando dazio al comune. L’assessore,Maria Lapietra, nel suo giro di acquisizione di informazioni ha visitato Bologna e si è informata sul sistema dell’Area C adottato a Milano,ma senza fare confusione tra le due città:non sarà l’area C di Torino.

L’assessora ci tiene a sottolineare che a Torino non basterà pagare per inquinare e ha intenzione di estendere l’orario della Ztl. Il divieto di accesso in centro è ora dalle 7.30 alle 10.30. Per l’assessore è troppo poco, non ha senso. Per tenere una Ztl così meglio non averla.Il concetto in linea con la petizione promossa da Legambiente e dalle associazioni ecologiste che chiedono l’ampliamento geografico della Ztl, l’allungamento dell’orario e l’inserimento di un ticket per finanziare interventi per il trasporto pubblico. Il presidente di Legambiente, Federico Vozza, pronostica che si potrebbero incassare dieci/venti milioni.

Il Comune non sposterà i confini della Ztl per evitare di dover acquistare nuove telecamere;previsto,comunque,l’allungamento degli orari.
Anche il metodo per assegnare i permessi verrà rivisto,ma verranno salvaguardati i diritti di accesso alle categorie e per  necessità.

Le esenzioni rimarranno nella nuova formula, l’assessora proporrà correttivi per fornire un numero di accessi al centro in auto a tutti i torinesi.Il sistema di ingressi che non terranno conto solo del pagamento del ticket, diverso da Bologna e Milano che utilizzano sistemi diversi: a Bologna c’è un numero massimo di ticket che si possono acquistare al mese per ciascun veicolo a differenza di Milano che si basa solo sul pagamento del biglietto come per l’Area C.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...