ROMA. GAZA: ROMPIAMO L’ASSEDIO,SCATTANO 20 DENUNCE PER GLI ATTIVISTI BdS DI ROMA

14333225_1077641412349656_2909403201452551482_n

Il pasticcio di Roma ha prodotto i primi risultati,20 denunce per manifestazione senza preavviso,dopo che la sala della Piccola Protomoteca a Palazzo del Senatorio era stato prima concessa e poi negata.

L’indisponibilità della sala in Campidoglio ad ospitare il convegno:”Gaza: rompiamo l’assedio”,ha spinto gli attivisti  del movimento Bds Roma  che aveva organizzato l’evento ad improvvisare il meeting in piazza del Campidoglio. La protesta per la mancata concessione della sala e la manifestazione,dell’associazione per il boicottaggio dei prodotti israeliani, a supporto della protesta contro le politiche di Israele nei territori palestinesi. La  sala prima accordata e poi revocata a seguito delle pressioni  e delle perplessità solevate dalla Comunità Ebraica romana e dell’ambasciata israeliana a Roma sui contenuti della manifestazione;lo stato di Israele non è nuovo ad episodi e pressioni come quelle romane,evidentemente quando si parla di Palestina,di territori occupati e  delle condizioni di vita nella città carcere di Gaza non vuole essere disturbato da manifestazioni ostili. La concessione della sala era stata richiesta da Stefano Fassina ed accordata,ma poi revocata per la disdetta del richiedente.

Il presidente dell’assemblea capitolina Marcello De Vito e il capogruppo M5S,Paolo Ferrara, hanno comunque incontrato l’organizzatrice del convegno Ann Wright e una delegazione di Bds Italia. L’incontro di un’ora che ha soddisfatto gli organizzatori;l’incontro è servito a spiegare le attività del gruppo e di poter essere ricevuti nuovamente in futuro,ricevendone un si.  Ann Wright ha dichiarato: “Abbiamo ricordato ai consiglieri del Movimento 5 Stelle che Acea ha un accordo di cooperazione con Mekorot, una società idrica nazionale di Israele che sottrae acqua dalle falde acquifere dei palestinesi . Su questo tema in Campidoglio ci sono stati diversi interventi per condannare tutto ciò, abbiamo chiesto ulteriori controlli.

L’iniziativa non è sfuggita alla Questura  che è intervenuta ed ha comunicato la scorrettezza dell’iniziativa:”Una ventina di persone, nonostante la revoca della concessione della sala della Protomoteca si sono comunque presentate per manifestare in Campidoglio esponendo le loro argomentazioni. Tutti i partecipanti sono stati identificazioni dalla polizia scientifica e saranno denunciati per manifestazione non preavvisata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...