USA. MATTEO RENZI MENTRE IL PD SI SPACCA VOLA NEGLI USA.

MATTEO RENZI,IN MILLE GIORNI,HA OTTENUTO QUELLO CHE VOLEVA ED ERA NEL SUO PROGRAMMA FIN DALL’INIZIO DELLA CANDIDATURA ALLA SEGRETERIA DEL PARTITO DEMOCRATICO. DIVIDERLO IN DUE,SCINDERE L’ALA LIBERISTA DAGLI EX COMUNISTI,PRENDERE IL CONTROLLO DEL PARTITO E TRAGHETTARLO VERSO QUELLE POLITICHE LIBERISTE CARE A BERLUSCONI CON CUI ALLEARSI NELLA PROSSIMA LEGISLATURA.

download-1

Matteo Renzi lascia Roma, e vola negli stati uniti,patria del liberismo selvaggio,e mentre la politica italiana litiga su tutto, il mondo d’oltre oceano continua a correre senza regole,senza controllo e senza una politica attenta al disagio sociale,relegato nell’inferno dell’inesistenza. Renzi ha deciso di staccare qualche ora,intanto che nel Pd si regolano i conti e si scrivono le regole per il congresso,si dedica a incontri di qualità in California,certo di vincere le primarie e confermarsi premier nella prossima legislatura con un governo in coalizione con le destre berlusconiane. Il futuro, prima o poi, torna racconta Renzi sul suo blog e  allora facciamoci trovare pronti: anziché litigare sul niente, proviamo a imparare da chi sta costruendo il domani prima degli altri.Poco o niente sulla situazione politica interna del PD,la scisssione ormai un dato di fatto,e la candidatura di Emiliano Serra alla segreteria PD in contrapposizione alla sua.

Matteo Renzi scrive che in questo primo giorno mi ha colpito la visita a Tesla, l’innovativa azienda di auto elettriche che ha il quartier generale a Palo Alto. Ho incontrato il vulcanico fondatore, Elon Musk, una personalità che mi aveva sempre incuriosito molto e che non avevo mai conosciuto prima di oggi. Difficile sintetizzare in breve i contenuti della chiacchierata. La scommessa sulle energie alternative per la mobilità, ma anche per la casa, il sogno di rendere possibile la vita su Marte, il super treno chiamato HyperLoop che sta facendo i primi esperimenti proprio in questi mesi, il design, l’Europa, la sostenibilità.

Continua Renzi dando appuntamento a Torino al Lingotto dal 10 al 12 marzo:non credo ai profeti della società senza lavoro,credo nell’uomo, nella sua intelligenza, nei suoi valori. E credo che non si possa vivere nella paura di tutto, sempre. Certo, dovremo trovare nuove forme di protezione sociale per chi non ce la fa. Dovremo studiare forme diverse di welfare, più vicine alle esigenze dei nostri ragazzi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...