TORINO. INQUINAMENTO ALL’ULTIMO STADIO,CONSUMATO L’ULTIMO BONUS.

LA SALUTE DELLE PERSONE SI CONTA IN BONUS,COME NEI VIDEO GIOCHI,TORINO HA SPRECATO ANCHE L’ULTIMO,IL 35°,ED ORA NON RESTA CHE IL BLOCCO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER RIENTRARE NEI LIMITI DI LEGGE SULLE EMISSIONI E SUI FAMIGERATI PM10.
download-81
Almeno 100.000 torinesi resteranno a piedi nei prossimi giorni le auto euro 3 domenica e lunedì il divieto si estenderà alle euro 4 non potranno circolare per le regole antismog varate dalla giunta Appendino.
Questa mattina,con la pubblicazione dl bollettino dell’ARPA sulle quantità di polveri sottili è arrivato ufficialmente il divieto. L’ARPA prevedere che la concentrazione di pm10 nell’aria, che nella settimana scorsa ha superato  il limite di 50 microgrammi per metro cubo, non scenderà nei prossimi giorni.

L’allarme “giallo” sarà in vigore lunedì e durerà fino a quando lo smog non tornerà sotto i valori normali,stabiliti per legge;  prevede il blocco dei veicoli privati diesel Euro 3 ed Euro 4 dalle 8 alle 19 per trasporto persone,per il trasporto merci gli orari sono 8,30-14 e 16-19 (8,30-15 e 17-19 il sabato e nei festivi). Esentati coloro che viaggeranno su una sola auto in almeno 3 persone.

La temperatura,negli uffici pubblici,verrà ridotta di 2 gradi,i termosifoni accesi per due ore in meno. I residui vegetali nei campi non potranno essere bruciati,sarò vietato usare caminetti aperti in presenza di sistemi alternativi per il riscaldamento domestico e spargere liquami.

Il Piemonte regala l’aria peggiore degli ultimi 4 anni. Nel 2017 i limiti delle PM10 sono stati superati 31 volte ad Asti e Carmagnola, 28 a Alessandria, 25 a Vercelli e Collegno. Torino con 35 sforamenti ha esaurito i bonus previsti. Legambiente lancia un appello alla sindaca Appendino per promuovere azioni antinquinamento su scala metropolitana. La mal’aria ammorba anche i principali centri dell’ hinterland torinese. Fabio Dovana,presidente di lega ambiente del Piemonte e Valle d’Aosta:l’inasprimento delle misure a Torino è un primo incoraggiante segnale nella giusta direzione  a cui però devono far seguito interventi strutturali efficaci che releghino la mobilità motorizzata privata all’ultimo posto delle opzioni per gli spostamenti quotidiani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...