ROMA.LA SCISSIONE NEL POPOLO DEL PD E’ UN DATO DI FATTO.

ROMA . Pier Luigi Bersani spiega:”Qui non è questione di calendario. Il calendario è una tecnica. La scissione è già avvenuta.Mi chiedo se questo sia il PD o il PdR e io mi chiedo come possiamo recuperare quella gente lì”.

images-bersani

L’ex segretario del Pd :”Da Renzi dopo averlo sentito ieri non me lo aspetto. Ma da chi è intorno a lui sì. Chi ha buonsenso è il momento che ce lo metta perché siamo a un bivio totale e andiamo incontro a problemi molto seri”. “Voglio bene al Pd fino a quando è il Pd. Ma se diventa il Pdr ,partito di Renzi. non gli voglio più bene”.

Bersani chiede di chiarire se il partito “sostiene il governo di un Paese di sessanta milioni di abitanti” e vorrebbe che i democratici “si attrezzassero per una discussione a fondo ed eventualmente correggere la linea politica. Ma ieri ho visto solo dita negli occhi”. Sarebbe meglio che il congresso, spiega Bersani, “iniziasse a giugno”. A chi gli chiede se domenica parteciperà all’assemblea del Pd, risponde: “Penso di sì, ma stiamo aspettando una riflessione”.
Bersani la ribadisce: “Innanzitutto bisogna garantire l’ordinaria amministrazione di questo governo. Non si può lasciare aperto questo interrogativo sulla durata della legislatura e su quando si va a votare”. “Bisogna riconnettersi con il Paese e invece qui si parla ancora dei capilista bloccati”. “Se perdiamo questo treno andiamo incontro a una roba sgradevole”. “Non accetto che siamo un partito che lascia un punto interrogativo su quello che facciamo, stiamo parlando di far dimettere Gentiloni in streaming. Non è possibile”.”La gente va a votare quando pensa di poter decidere, altrimenti non ci va. Ma non è che non va e sta tranquilla, non ci va e ti fa un mazzo così… Stiamo a parlare di capilista bloccati? Noi diamo i numeri…”, “fondamento della governabilità non in Botswana ma in un Paese europeo è avere un minimo di connessione tra popolo e governabili”.

La minoranza DEM è pronta alla scissione?  Bersani: “Adesso vedremo”.

Contrario al congresso anticipato che per lex segretario dovrebbe tenersi a giugno,che diversamente assomiglierebbero  alle assise del solipsismo, dell’autoreferenzialità. Bersani:”no a un congresso cotto e mangiato con una spada di Damocle sul nostro governo mentre dobbiamo fare la legge elettorale e mentre dobbiamo fare le elezioni amministrative. Non è il messaggio giusto da dare al Paese. Siamo il partito che governa, dobbiamo garantire che la legislatura abbia il suo compimento normale e che il governo governi correggendo qualcosa che abbiamo fatto e che il congresso si faccia nel suo tempo ordinario cioè da statuto parte a giugno e si conclude a ottobre, sarebbe questa la cosa più normale. Non ho sentito dire se vogliamo accompagnare il governo fino alla fine della legislatura”.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...