Mese: gennaio 2017

MILANO. MILAN TRA CALCIO E AFFARI,100 MILIONI DI EURO DA SOCIETA’ OFF SHORE DIRETTAMENTE NELLE CASSE DI FININVEST.

Milano tra dubbi e tifo che da mesi vivono il dubbio senza risposte.I dubbi aumentano per lo spostamento del closing a marzo. Due caparre versate per l’acquisto della società Rosso Nera, ma da dove arrivano i soldi usati per pagate le due caparre da 100 mln ognuna non è chiaro. 200 milioni arrivati direttamente nelle casse di Fininvest, ma mancano le autorizzazioni del governo di Pechino per il saldo.

Calcio&Finanza ha pubblicato in esclusiva un documento che ricostruisce il percorso dei 100 milioni versati lo scorso 13 dicembre,il closing slitta di tre mesi,a marzo.

14639657_1312891935411575_7537192223992685062_n

I documenti ufficiali dei partner del gruppo Sino-Europe Sports Investment” consultati da Calcio&Finanza fanno emergere un contratto di pegno sull’intero capitale della società veicolo Rossoneri Champions (Hong Kong), che la controllante Rossoneri Sport Investment (Hong Kong) ha concesso come garanzia alla società che ha pagato la seconda caparra.

Il pagamento dei 100 mln di euro hanno fatto registrare un movimento contemporaneo di soldi dalla Willy Shine Internation Holdings Limited, (Tortola, nelle Isole Vergini britanniche),paradiso fiscale,nel giorno in cui Sino Europe ha verstato a Fininvest la seconda caparra da 100 milioni. Willy Shine International Holdings ha prestato 102 milioni di euro a Rossoneri Champions. La garanzia per il prestito è stata data impegnando il capitale di Rosso Neri Champions con capitale sociale pari a 12mila euro. Sino Europe ha fatto fronte agli impegni presi per l’acquisto del club dalla holding della famiglia Berlusconi facendosi prestare 102 mln di euro a fronte di un rischio di 12 mila euro come da capitale sociale..

La Willy Shine International Holdings è una società registrata nelle Isole Vergini Britanniche,che non ha obblighi di pubblicazione dell’elenco degli amministratori e degli azionisti quindi non è possibile sapere da dove arrivino i fondi versati nelle casse di Fininvest. Calcio&Finanza,cita fonti che sostengono che i capitali utilizzati per pagare la caparra sono integralmente di Sino-Europe Sports Investment, ma a tutt’ora l’unica certezza è che il contratto tra Willy Shine e Rossoneri Champions sono stati firmati da Ren Yubing,Willy Shine e Chen Huashan per Rossoneri.Il referente di Sino Europe,Huashan,è praticamente uno sconosciuto; Han Li e Yonghong Li, è tra i personaggi emersi nei Panama Papers.

Un rompicapo Cinese per capire fino in fondo i termini di una cessione ingarbugliata,la mancanza di trasparenza è tale che nelle scorse settimane il consigliere comunale di Milano, David Gentili, presidente della Commissione Antimafia del capoluogo lombardo, aveva lanciato l’allarme: “Abbiamo una situazione particolare ed emblematica per il contrasto al riciclaggio e la possibilità che strutture opache agiscano a Milano”. Come segnalato da ilfattoquotidiano.it:se la trattativa andrà a buon fine, i nomi dovranno conoscersi per forza e saranno vagliati dalla Figc, ma se la cessione dovesse sfumare,almeno duecento mln di euro sono arrivati in Italia con il rischio concreto di non sapere chi li ha realmente versati.

VENEZIA. ACQUA FREDDA,CURE SANITARIE INESISTENTI E LA MORTE DI SANDRINE FANNO ESPLODERE LA RIVOLTA DEI MIGRANTI.

SANDRINE BAKAYOKO sognava di fare la parrucchiera in Italia o forse anche fuori dall’Italia,ma non andrà più da nessuna parte,è morta da sola nella doccia del CIE di Cona(VE).

Il CIE ricavato nella struttura di una ex base missilistica,la base dismessa da anni ospitava i richiedenti asilo,tra questi Sandrine,che un mese fa ha subito un aborto e negli ultimi giorni soffriva di influenza,ma le cure sanitarie nel centro si limitavano alla somministrazione di aspirine e Sandrine non c’è la fatta;è morta da sola nella doccia della base.

I medici del 118 si difendono:a Sandrine è stato praticato il massaggio cardiaco e il trasferimento all’ospedale di Piove di Sacco dove,però è arrivata già morta.

La rivolta dei migranti è scattata appena avuto notizia dell’accaduto,qualche lenzuolo e qualche scaffale bruciato,gli ingressi sbarrati e 25 operatori della cooperativa trattenuti all’interno della struttura.A notte fonda la polizia è riuscita a far uscire il personale e placare la rivolta.

 

ROMA.PRONTA LA SANTIFICAZIONE DI VIRGINIA RAGGI SULL’ALTARE DI PALAZZO CHIGI.

BEPPE GRILLO GIOCA LA CARTA DEL 2017,PER IL MOVIMENTO 5 STELLE,CHE AD UN PASSO DALLE ELEZIONI AL GRIDO DI ONESTA’ ONESTA’ SCOPRE CHE DISONESTO E’ MEGLIO,ANZI L’ACCERTAMENTO DELLA DISONESTA’ NON E’ PIU’ COMPITO DEI TRIBUNALI E DEI GIUDICI,MA DI GRILLO E DELLA GIURIA DEL POPOLO.

Virginia Raggi sembra molto importante per Grillo,il suo ruolo di sindaca è la chiave per entrare a palazzo Chigi,che aspira a diventare premier ombra,la faccia di DiMaio da mostrare al popolo,censore,garante e regnante assoluto del bel paese.

La difesa di Virginia Raggi elevata a ruolo di vittima dei poteri forti,la Giovanna D’Arco romana che prima di andare al rogo poteva sembrare una marionetta nelle mani a Grillo e della srl Casaleggio e associati ora viene trasformata in una eroina dal cuore impavido,tenera e gentile;poco importa se la sua relazione con Raffaele Marra è finita in un:era solo uno dei 23 mila dipendente del comune di Roma;poco importa se Roma annaspa nell’immondizia lasciata dalla ex assessore Muraro,che di immondizia ne sapeva e ne capiva tanto da lasciarla li dove stava in attesa dell’emergenza.

Virginia Raggi dunque una vittima e i giornali tutti “bufalari” servi del regime da affidare ad una giuria popolare che con un dibattimento pubblico decida e deliberi su chi le spara più grosse;meno male che la rivoluzione francese è finita da un pezzo altrimenti a fare i giornalisti si sarebbe rischiato di vedere la propria testa cadere in un cesto sotto la supervisione di Beppe Grillo.

Invoca le folle contro le bufale Grillo,come se le indagini sulle bufale non lo coinvolgessero,come se chi si è nutrito di bufale in tutto questo periodo fossero altri.

Detta le regole,le nuove regole quelle che trasformano in vittime del sistema i suoi amici o almeno quelli che deve difendere costi quel che costi,in carnefici tutti gli altri,i nemici,gli ex amici traditori; decide tutto da solo Grillo,chi è buono e chi è cattivo;lui il garante del nuovo codice grillino,il codice che tutto può e tutto fa;imputato sei colpevole,lo ha deciso Grillo non il tribunale;imputato sei innocente lo ha deciso sempre lui in un delirio di onnipotenza che dice tutto e il contrario di tutto.

TORINO.LA PSICOSI DELL’ATTENTATO PERCORRE TUTTO LO STIVALE

La psicosi dell’attentato è ormai così diffusa che bastano i lineamenti somatici,un cellulare e qualche risatina per terrorizzare chi ci sta intorno.Qui chi non terrorizza si ammala di terrore recitavano i versi di una canzone degli anni settanta.

download-18

E’ successo a Torino,via Livorno,al cinema.Gli spettatori o meglio alcuni spettatori ad un certo punto notano alcuni magrebini che trafficano con i loro cellulari e ridacchiano tra loro,i primi lentamente abbandonano la sala,poi a seguire tutti gli altri finchè la sala si svuota.

Intervengono i carabinieri per il controllo delle generalità dei magrebini.Il rebus è presto stato risolto,la famiglia era composta da sordomuti,perchè anche i marocchini possono essere sordomuti,che messaggiavano tra loro commenti sul film e le risatine facevano riferimento ai commenti contenuti nei messaggi e non all’imminente attentato che si sarebbe consumato da li a poco. Insomma il nuovo caso di panico da attentato è stato brillantemente risolto dai carabinieri:QUI CHI NON TERRORIZZA SI AMMALA DI TERRORE.

 

 

MILANO.LA PSICOSI TERRORISMO ATTRAVERSA TUTTO LO STIVALE.

La notizia di un ricovero per una intossicazione da agenti chimici si era diffusa a Dicembre,rilanciata dalle agenzie,che ha fatto scattare l’allarme terrorismo. Il momento di massima allerta per possibili attacchi terroristici hanno collegato il ricovero dell’uomo agli approfondimenti investigativi legati alle indagini sullo stragista Anis Amri.

images-30

Gli investigatori hanno smentito che possa trattarsi di una intossicazione per il contatto con sostanze chimiche idonee a preparare attentati chimici.L’uomo infatti avrebbe inalato la sostanza intossicanti durante  il lavoro.Smentito l’allarme secondo cui estremisti sarebbero intenzionati a compiere azioni imminenti.

Attacchi con droni,non intercettabili con i radar o con l’utilizzo di auto rubate,2 taxi e due utilitarie sarebbero imminenti secondo fonti dei servizi Israeliani.I droni,modificati per poter essere equipaggiati con armi, stando alle fonti e discusse nei giorni scorsi alla C.A.S.A. sarebbero stati fatti entrare in Italia da presunti terroristi:tra i terroristi,il capo con almeno 400 uomini del califfato pronti a colpire l’occidente,entrati in Italia con barconi, i viaggi della speranza.