ROMA. ALITALIA,FALLISCE LA TRATTATIVA: 1600 ESUBERI

ROMA – LA CREATURA NATA DALLA VECCHIA ALITALIA,VOLUTA FORTEMENTE DA SILVIO BERLUSCONI,CHE SULL’ITALIANITA’ DELLA COMPAGNIA DI BANDIERA AVEVA INCARDINATO E VINTO UNA CAMPAGNA ELETTORALE E’ DI NUOVO IN CRISI CON 1600 ESUBERI DICHIARATI.

download-60

Gli appelli al confronto si sprecano e anche l’ultimo appello del ministero è caduto nel vuoto.Il tentativo di avvicinamento per scongiurare la protesta in Alitalia con esso,le parti sono molto distanti,i tecnici del governo incaricati di raffreddare gli animi ne hanno preso atto e lo stato di agitazione,la tensione in Alitalia è di nuovo alta con uno sciopero che si terrà il 23 febbraio.La rottura non è nuova,ma l’ennesimo  nuovo colpo di scena pone motli interrogativi al numero uno della compagnia Cramer Ball,che la prossima settimana presenterà al governo italiano il piano di rilancio dell’azienda ed un accordo di massima con i dipendenti Alitalia per non vedersi rifiutare l’accesso agli ammortizzatori sociali e la continuità dei sostegni e le norme che regolano la continuità della rotta Calabria-Linate.

Il verbale del ministero del Lavoro,scarno nei contenuti ha ribadito che le parti si sono confrontate,la discussione è stata ampia ed esauriente, ma con un esito completamente negativo,che  ha registrato l’impossibilità di pervenire ad una soluzione conciliativa,accordo tra le parti, e le invita a ridurre al minimo i disagi per l’utenza.

La vertenza è imperniata sul taglio dei costi voluto dal management di Etihad che prevede circa 1600 esuberi;le liberalizzazione della rotta Milano-Linate dopo la sospensione della rotta Roma-Malpensa e il rinnovo delle agevolazioni sulle tratte Roma-Reggio Calabria e Linate-Reggio Calabria.

Sulla delicata vertenza è intervenuto anche il numero uno di Ryanair,presente a Malpensa,che ha letteralmente invitato Alitalia ad abbandonare le rotte storiche  per lanciare nuovi collegamenti a lungo raggio del vettore low cost.  O’Leary proseguendo su Alitalia non ha dimenticato si rimarcare che nella situazione in cui si trova è difficile che possa cooperare con noi, prima deve liberarsi dai vincoli con Air France. Alitalia ,non potrà mai essere una compagnia low-cost, deve risolvere la situazione con Air France, liberarsi dai vincoli che ha sui voli a lungo raggio e deve poi cooperare con una compagnia come noi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...