TORINO. I VOUCHER CONTESTATI FINO A IERI TORNANO BUONI AL COMUNE DI TORINO PER PAGARE I MEDIATORI LINGUISTICI.

download-14

A.A.A. giovani cercasi da impiegare come mediatori linguistici,ufficio immigrazione della Questura,sportelli della città per affiancamento agli impiegati di Palazzo Civico. Il Comune di Torino ha lanciato un bando,che scade il 27 gennaio alle 12, per scegliere persone tra i 18 e i 29 anni da utilizzare come mediatori linguistici.

Prestazioni massimo di 500 ore con retribuzione netta di 3.750 euro trattandosi di lavoro occasionale. Esperienza e professionalità  riservata agli under 30 pagata, dopo le polemiche per l’utilizzo e l’abuso degli stessi,con  i buoni lavoro,i voucher. La paga oraria  per le attività verrà corrisposto al giovane con  un voucher di 7,50 euro netti che equivale a 10 euro lordi. I selezionati lavreranno 4 ore al giorno al mattino o al pomeriggio fino al raggiungimento delle 500 ore. Il progetto “Giovani per l’Integrazione” realizzato con la Compagnia di San Paolo. Il progetto legato al servizio civile per gli immigrati. La scelta del voucher spiegano nella delibera è legata al tipo di lavoro: in considerazione della brevità del periodo di servizio, per l’inquadramento contrattuale e la retribuzione dei giovani si utilizzerà lo strumento dei voucher per il lavoro accessorio, finanziati dal contributo erogato dalla Compagnia di San Paolo che per il 2017 è pari a euro 18.000. Il progetto vale 35 mila euro nel biennio (2016-2017) ha per obbiettivo facilitare il dialogo tra cittadini e istituzioni e sperimentare nuovi modi di informazione sui servizi offerti dalla città a chi proviene dall’estero.
I giovani per accedere alla selezione dovranno avere un’età compresa tra i 18 e i 30 anni non compiuti ed essere domiciliati nell’area metropolitana di Torino,cittadini non dell’Unione Europea in possesso di regolare permesso di soggiorno. I candidati di lingua italiana e seconda lingua francese, inglese, arabo e cinese;avere assolto l’obbligo formativo e rientrare in una fascia Isee non superiore a 25 mila euro.
La selezione è affidata dal settore Servizio Arredo Urbano, Rigenerazione Urbana e Integrazione con strumenti di valutazione quali la flessibilità oraria, le capacità comunicative, il possesso di esperienze nella relazione con il pubblico e di attività lavorativa o di volontariato in associazioni multiculturali, la conoscenza del fenomeno migratorio nel torinese e la conoscenza delle norme che regolano la permanenza delle persone provenienti da Paesi terzi in Italia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...