QUARGNENTO. F.A.I. IN BASILICA E ACCENSIONE DELL’ALBERO DI NATALE.

L’accensione dell’albero di Natale a Quargnento è seguita alla visita del FAI nella Basilica di Quargnento,dedicata a San Dalmazio.

L’occasione dell’accensione dell’albero ha coinvolto tutti i bambini e i ragazzi di Quargnento; i più piccoli hanno disegnato una stella cometa con i berretti illuminati in piazza,ai piedi della Basilica.Hanno atteso di poter accendere l’albero e lo hanno fatto i più piccoli alla presenza del sindaco Luigi Benzi,dopo distribuzione di cioccolata calda,thè e panettoni dalla pro loco Quadrigentum.

La breve storia della Basilica risale a 1110 anni fa.

Quargnento piccolo borgo dell’alessandrino,vanta origini romane,fondato nel 189 a.c.Quadrigentum,400 miglia da Roma.Quargnento abbraccio la fede cattolica dopo l’editto di Costantino(313 d.c.),sui ruderi del tempio dedicato a Diana nacque la prima chiesa dedicata a San Secondo,patrono di Asti,martire nel 119 d.c.

Il X secolo fu l’era dei Mori che provenienti dalla Francia invasero il cuneese distruggendo tutto ciò che era sacro e predando quello che era di valore.

Nel 907 mons.Audace fece trasportare il corpo di San Dalmazio da Borgo San Dalmazzo a Quargnento perchè non fosse profanato;la chiesa cambio nome e fu dedicata a San Dalmazzo.

Consacrata nel 1111 da Papa Pasquale II e distrutta da Federico Barbarossa.Riedificata nel 1270 e ampliata nel 1560.Conserva opere di notevole pregio,nel 1992 il Papa Giovanni Paolo II ha elevato la chiesa a al titolo di Basilica Mibore per motivi spirituali,storici e artistici.

Dal 1889 al 1919 vennero riparati i danni provocati da un furioso incendio,nel 1902 venne riconsacrata.Nel 2000 vennero rubate le tavolette scolpite in legno nel’600 e raffiguranti i misteri del santo rosario.

Il borgo di Quargnento è protagonista ,nella kermesse di Riso&Rose,l’ultima domenica di Maggio della sfilata storica in costumi d’epoca,che rievocano il voto fatto alla vergine che nel 1630 ha salvato il borgo dalla peste, dei 4 rioni(Cavalera,Crusetta e Zola,Pont e Pra Slà);i 4 rioni si sfidano e gareggiano per conquistare il Palio:”Palio dell’Oca Bianca”,la sera cena sotto le stelle nell’oratorio dedicato a Don Bosco.La stessa domenica si tiene la rassegna dell’estemporanea di pittura dedicata a Carlo Carrà,pittore:”

La strada di casa”.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...