Mese: novembre 2016

MILANO.FIRST TIME di Germana Blandin Savoia:”run for life against violence”

FIRST TIME

A cura di Germana Blandin Savoia – dietista e autrice

 

 “Run for life women against violence”.

listener-2corsa-2

 

Si è svolta ieri 27 Novembre 2016 in Milano presso l’Arena Civica Brera la gara non competitiva: “Run for life women against violence”.

Bella iniziativa che ha coinvolto non solo migliaia di cittadini della città, ma anche gente proveniente da Padova, Verona, Cagliari, Siracusa, Campobasso, Firenze e Torino, insomma tutta l’Italia ha voluto esserci.

Emozionante e avvincente la gioia dei partecipanti, alcuni con i loro bambini, altri con i loro cani con tanto di pettorale, tutti insieme non per avere un trofeo, ma per dimostrare sdegno nei confronti della violenza e per dare un grande esempio di unione d’intenti:

Tutti insieme per vincerla.

Reduce intervento chirurgico non ho potuto correre, ma con lo stand Forever, ero presente con i miei consigli agli atleti come dietista.

Alla partenza i corridori hanno liberato i palloncini rossi, che nel cielo come per magia hanno disegnato un cuore a simbolo della volontà unanime di sconfiggere la violenza!

Un grazie alle organizzatrici per l’invito ricevuto, e un grazie a tutti i partecipanti che hanno dato alla giornata di ieri un significato importante.

Forte il messaggio che deve passare: Basta con la violenza sulle donne e alla violenza tutta.

Da non dimenticare!

PRATO. PRATO 0 ALESSANDRIA 1

L’ALESSANDRIA MANTIENE L’IMBATTIBILITA’ IN CAMPIONATO ESPUGNANDO IL LUNGOBISENZIO DI PRATO CON UNA RETE DI GONZALEZ,13^ IN CAMPIONATO.

download    download-1

Gonzalez il fenomeno,meglio di Higuain in questo campionato,con 13 reti ed una Alessandria già eletta a reginetta d’Europa mantiene la corona anche a Prato vincendo per 1 rete a 0 e mantenendo l’imbattibilità in campionato.

La distanza che separa l’Alessandria dalla Cremonese diretta inseguitrice è di 6 punti,essendo stata sconfitta dalla Lupa Roma.

La partita di oggi si mostrata subito impegnativa e difficile,l’Alessandria alla ricerca del goal che non arrivava ed un Prato organizzato in difesa,pronto alle ripartite ed al contropiede. Gonzalez su punizione ha sbloccato il risultato permettendo alla squadra di conquistare 3 punti preziosi e allungare sulle dirette inseguitrici.

ALESSANDRIA.AURORA CALCIO 2 EUROPA BEVINGROS 4.

LA SFIDA TRA VICINI DI CASA,AURORA CALCIO E EUROPA BEVINGROS,LE DUE SOCIETA’ DI CALCIO DISTANO TRA LORO POCHE CENTINAIA DI METRI,E’ ANDATA ALLA BEVINGROS PER 4 RETI A 2.

La partita molto combattuta ed avvincente,con continui cambi di fronte,come si conviene ai derby casalinghi è stata vinta dalla Europa Bevingro per 4 reti contro le 2 segnate dall’Aurora calcio.

La disposizione in campo più organizzata della Bevingros ha creato più occasioni da goal per gli ospiti della Bevingros, un buon portiere,Lorenzo Olivero,ha però negato il vantaggio agli avversari nelle prime fasi del gioco.

Il primo goal della Bevingros è stato segnato sullo sviluppo di un azione degli attaccanti,mentre il secondo ed il terzo sono stati due regali dovuti alla distrazione della difesa dell’Aurora;in particolare il primo si è sviluppato per un passaggio sbagliato appena fuori area di rigore e che ha permesso alla Bevingros di trovarsi comodamente a tu per tu con il portiere lasciato completamente solo,il terzo su punizione con la barriera che si è aperta la momento del calcio di punizione,niente da fare per Lorenzo infine è arrivato il 4° goal degli ospiti.

Due goal anche per l’Aurora,che con una migliore organizzazione in campo e qualche velleità individualista in meno avrebbe potuto creare altre occasioni da goal e meglio contrastare le azioni della Bevingros;ottimo l’arbitraggio equilibrato e che non ha fatto sconti a nessuna delle due squadre in campo.

METALMECCANICI.FIRMATO IL NUOVO CONTRATTO NAZIONALE DELLE TUTE BLU.

Il contratto nazionale dei metalmeccanici,2016-2019,dopo due rinnovi contrattuali separati è stato firmato unitariamente dalle maggiori sigle sindacali Fiom,Fim e Uilm. L’accordo firmato Federmeccanica, Assistal  per gli industriali e Fiom, Fim e Uilm. L’aumento mensile medio di circa 92 euro, calcolato le diverse voci, dal recupero dell’inflazione al welfare. Le rappresentanze sindacali ottimiste per il raggiungimento di un accordo, dopo la tre giorni di no stop tra Federmeccanica, Assistal e Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm Uil.contratto-metalmeccanici-835
L’incremento mensile medio in busta paga di 51,7 euro ,erogati annualmente ex port, sulla base dell’inflazione consultivata nell’anno precedente, ora stimata al 2,7%, di 7,69 euro per la previdenza integrativa, di 12 euro per l’assistenza sanitaria, estesa ai familiari,13,6 euro di salario non tassato,che includono 450 euro annui di ‘ticket’ più l’una tantum di 80 euro da erogare a marzo prossimo e 7,69 euro di formazione. L’aumento totale sarà di 92,68 euro mensili.

Il rinnovo contrattuale per un milione di metalmeccanici dopo un anno di  trattativa e una ‘no stop’ iniziata mercoledì. Superati gli scogli: niente decalage e recupero del 100% dell’inflazione per tutta la durata del contratto e riconoscimento pieno degli scatti di anzianità. Il 19 o il 21 dicembre il referendum tra i lavoratori metalmeccanici dovrà validare il rinnovo del contratto siglato oggi. Il contratto sarà approvato se votato a maggioranza semplice, un principio che le stesse imprese hanno riconosciuto valido. Il Ministro Poletti è  soddisfatto per il rinnovo del contratto che interessa i lavoratori metalmeccanici. Le organizzazioni sindacali e imprenditoriali, sottolinea il Ministro,hanno fatto, in modo unitario, un buon lavoro ed hanno raggiunto, attraverso un confronto approfondito, un risultato che contiene elementi di novita’ importanti e positivi.
È un bel segnale per l’industria manifatturiera che continua a rappresentare un asse di sviluppo centrale per il futuro del nostro paese.

CUBA. E’ MORTO FIDEL, VIVA FIDEL. RIVOLUZIONARIO O TIRANNO,IL RE NUDO AMMANTATO NEL SUO MANTELLO.hasta la victoria siempre comandante.

IL 25 NOVEMBRE 2016 A 90 ANNI E’ MORTO FIDEL CASTRO RUZ,RIVOLUZIONARIO,GUERRIGLIERO,CAPO DI STATO E DESPOTA ILLUMINATO DELLA SUA TERRA,CUBA.15178161_1314741515245158_4196051058078907305_n

Fidel castro nacque a Cuba,il 13 agosto 1926;studiò in una scuola di gesuiti nella  Cuba, del regime del generale Fulgencio Batista,capo di governo di un paradiso fiscale,dove la mafia americana riciclava e ripuliva il denaro sporco.

Protagonista della rivoluzione con il fratello Raul,Camilo Cinfuegos e Ernesto Guevara detto il CHE,per le sue origini argentine,insinuò il germe della ribellione in America Latina: una società nuova era possibile,umanista,socialista,libertaria in alternativa al neoliberismo imposto con la violenza dei colpi di stato militari che per decenni si sono succeduti e governato in Sud America.

La nazionalizzazione delle industrie e dei beni sull’isola Cubana,compresi quelli americani,le idee di uguaglianza,il nuovo corso politico cubano irritarono il potente vicino,americano,al punto che questi decretarono l’embargo economico,e l’isolamento politico, nei confronti dell’isola caraibica;alle aziende occidentali era fatto divieto di intrattenere rapporti commerciali con Cuba,pena l’esclusione delle stesse dagli Stati Uniti.Il Socialismo politico ed economico furono dichiarati solo dopo il tentativo di invasione,nel 1963, da parte di ex esuli,pagati e armati dalla CIA,della Baia dei Porci,sconfitti dopo 3 giorni di battaglia dall’esercito cubano. Fidel subi 630 attentati attribuibili alla CIA,per conto del nemico Statunitense;ha governato ininterrottamente per oltre 60 anni,ha creato scuole,sviluppato la medicina naturale,ha nel tempo saputo creare rapporti di solidarietà nella popolazione fino a fargli urlare:”nella mia isola nessuno muore di fame”;quella fame che invece conoscono bene almeno 10 milioni di cittadini statunitensi,di cittadini sud americani,campesinos esclusi dalla società,dall’assistenza sanitaria,dal diritto alla dignità di un lavoro,dal diritto di avere una casa e l’impossibilità di vedere soddisfatte le esigenze primarie che ad ogni essere umano dovrebbero essere garantite.

il 25 novembre del 2016 alle ore 22 e 29 minuti è morto Fidel,viva Fidel.

 

FELIZZANO.COM6 INIZIA IL TURNO DI NOTTE.

Inizio turno ore 21.00 con attività di controllo del territorio.

Felizzano per ora è stata messa in sicurezza con la costruzione di un argine;critica la situazione ad Alessandria dove i piani bassi della  zona orti sono stati sgomberati e i residenti accolti nello stadio Moccagatta,diventato per l’ occasione centro di raccolta.

AGGIORNAMENTO ORE 02.00:La situazione a Felizzano è sotto controllo;i disagi sono spostati a valle coinvolgendo Solero e la città di Alessandria dove il rischio di esondazione e quasi certo.L’allarme lanciato dal sindaco Rita Rossa è motivato dai livelli dell’acqua ormai al limite degli argini.Il ponte Meier è stato chiuso e lo sgombero dei piani bassi nelle zone interessate dal fiume è quasi ultimato;rinforzata con terra le difese della città dal rischio alluvione cteando argini artificiali negli incroci e nelle vie che portano in centro città.

ALESSANDRIA.ONDATA DI PIENA DEL TANARO,IL PONTE MEIER SUPERA IL BATTESIMO DELL’ACQUA.

L’ATTESA ONDATA DI  PIENA E’ PASSATA ANCHE SUL TERRITORIO ALESSANDRINO,SE I CAMPI INTORNO ALLA CITTA’ SONO STATI TRASFORMATI IN UN UNICO LAGO D’ACQUA,FELIZZANO,MASIO,SOLERO PER DIRNE ALCUNI IL PONTE MEIER HA SUPERATO IL SUO PRIMO ESAME ED HA RICEVUTO IL BATTESIMO DELL’ACQUA.

Il sindaco Rita Rossa ha fatto visita al ponte Meier intorno alle 17,30 del pomeriggio,quando la prima ondata di acqua proveniente dall’alto cuneese ha transitato sotto i ponti cittadini,rimasti aperti al pubblico nonostante il pericolo provocato dall’ingrossamento del fiume Tanaro.

Il ponte dal pomeriggio invece che svuotarsi si è popolato di persone,di curiosi e di semplici cittadini a passeggio con biciclette,cani e passeggini per godersi il caldo insolito di questo pomeriggio e per ammirare senza preoccupazione la piena che in quel momento transitava sotto il ponte.

Il sindaco visibilmente soddisfatto,non della piena del Tanaro,ma del risultato,voluto con testardaggine, che il ponte prometteva ed ha mantenuto;anche in una occasione così pericolosa ha garantito la tenuta all’onda e la sicurezza per i cittadini.

Le zone che invece hanno pagato la piena del Tanaro sono state quelle agricole,da Asti alle porte di Alessandria;la parte interessata dal Bormida con l’unico ponte chiuso per motivi di sicurezza.Le aree golenali dove una trentina di famiglie sono state fatte sgomberare,le case rurali andate sott’acqua.

Asti ed Alessandria hanno affrontato l problema della sicurezza degli studenti in modo diverso:Ad Asti le scuole sono rimaste aperte e le lezioni si sono svolte regolarmente mentre i sindaci di Alessandria e Casale hanno optato per la chiusura;decisione dovuta in parte per garantire la sicurezza degli studenti  e in parte per evitare di congestionare il traffico cittadino per l’imminente arrivo dell’ondata di piena.

La situazione rimane comunque critica per la notte si prevede l’evacuazione dela popolazione dei paesi del COM6 come misura precauzionale e chi vi scrive dopo aver pubblicato l’articolo indosserà la divisa per dare il personale contributo in queste ore difficili.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: