TORINO.LA SINDACA APPENDINO DISERTA L’INCONTRO CON I DIPENDENTI DEL CSI SUL FUTURO DEL CONSORZIO.

​I lavoratori del CSI hanno finalmente una  prospettiva,dopo la lunga attesa un punto di svolta.La privatizzazione del Consorzio,sono tre i gruppi informatici interessati ad acquisire quote del CSI. Le prospettive per i dipendenti non sono del tutto chiare,tanto che hanno chiesto alle istituzioni di spiegare quali sono le prospettive e le garanzie per il lavoro.

L’incontro con Regione e Comune di Torino rappresentava l’occasione attesa per il chiarimento. Le attese dei lavoratori sono andate deluse,in Piazza Castello,sono stati ricevuti dall’assessora all’Innovazione della Regione Piemonte, Giuseppina De Santis, che garantiva per certo l’arrivo di Chiara Appendino o di un membro della giunta comunale.Le rassicurazioni delle istituzioni cittadine circa la propria presenza sono state deluse dal mancato arrivo della Sindaca e degli assessori. Solo due “staffisti”, mandati dai settori Lavoro e Innovazione.

I due consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle pare abbiano chiesto di poter presenziare all’incontro,in rappresentanza della Città,solo per ascoltare i lavoratori,che ovviamente l’hanno negata.Il vicepresidente del Consiglio comunale Enzo Lavolta: « E’ grave quanto accaduto quest’oggi in occasione di una importante riunione, richiesta dai lavoratori, in Regione Piemonte sul futuro del CSI».

«Ci saremmo aspettati quanto meno una presenza utile ad ascoltare le preoccupazioni dei lavoratori ed a interloquire con il socio Regione Piemonte per condividere il percorso e le strategie future sulle prospettive del CSI, con le conseguenti garanzie occupazionali per i lavoratori medesimiL’attenzione del Sindaco si è limitata alla delega di due “staffisti” della Giunta che hanno presenziato all’incontro , in rigoroso silenzio, e senza fornire alcun contributo in ordine alla posizione della Città».

«Invito sin d’ora la Sindaca a rispondere in aula lunedì prossimo per comprendere quale sia la sua posizione sul futuro del CSI e se corrisponda a quella eloquente dei due collaboratori inviati, evidentemente loro malgrado», conclude il vice presidente del Consiglio comunale.

I rappresentanti dei lavoratori CSI «Confermiamo riga per riga. Pensiamo che l’assenza del sindaco sia una grave mancanza di considerazione e rispetto degli oltre mille dipendenti del CSI».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...