TORINO.LA SINDACA CHIARA APPENDINO CANCELLA GLI EVENTI TRA LA SPAGNA E TORINO.

LA REPUBBLICA DEI “PASDARAN” ERANO NELL’IMMAGINARIO COLLETTIVO UN LONTANO RICORDO,PIU’ VICINO AL NOSTRO TEMPO QUELLO DEI TALEBANI E DEI JIHAIDISTI,MA TUTTI HANNO UN DENOMINATORE COMUNE DISTRUGGERE CIO’ CHE E’ STATO,CON FATICA REALIZZATO NEGLI ANNI,PER FAR POSTO AL NULLA,AL DESERTO.

IL CALENDARIO DEGLI EVENTI NON CONTEMPLA QUELLO DI SPAGNA E TORINO,MA SI PUO’ RECUPERARE.images-4744456cdab4d26bf13dc18536d08243e

Il weekend diviso tra i Santi,visite ai defunti e arte è un momento importante per conquistare turisti. Fassino e la sua giunta raccoglie i meriti per il richiamo turistico che rappresenta Torino e quanto ci abbiano creduto,Fassino difende la sua creatura il Jazz Festival che,però come altri importanti eventi  è vicino alla cancellazione.

La lista delle manifestazioni da cancellare si allunga ogni giorno. Piazza San Carlo lo scorso aprile si era animata con spettacoli di flamenco, degustazioni di prodotti tipici spagnoli e mostre fotografiche sul cammino di Santiago.La  presentazione  al pubblico di Torino incontra la Spagna,evento organizzato per la durata di un intero anno, nato per promuovere lo scambio culturale, commerciale e turistico tra Torino e Barcellona, Madrid, Valencia e Bilbao. L’incerta per la realizzazione dell’evento non ancora inserito nella programmazione degli appuntamenti culturali del prossimo anno;il Comune sta ancora valutando i contenuti della manifestazione e le ricadute sul territorio senza tenere conto dei tempi stretti,due mesi,che ci separano dal 2017 con un programma ricco e complesso tutto programmare e scrivere.

L’amministrazione  Fassino e il console Maitre de la Torre presentarono ad aprile:Torino incontra Spagna che rientrava in un progetto iniziato nel 2013 con Torino incontra la Francia;nel 2015 Torino incontra Berlino. L’obiettivo di rafforzare i legami tra le città e creare  la condizione favorevole  per aumentare i voli, durante il 2017, tra Torino a Barcellona, Madrid, Valencia e Bilbao.

Il coinvolgimento dei teatri e musei della città, scambi di pezzi tra le collezioni museali spagnole e torinesi, collaborazioni con l’Università, mostre fotografiche, eventi musicali, danze, incontri e presentazioni di libri, per organizzare eventi durante l’anno nelle cinque città,favorire il turismo dalla Spagna all’Italia e viceversa.

I commercianti, che di fronte all’incertezza della prosecuzione dei programmi fin qui sostenuti,sono preoccupati per il futuro. I tempi per realizzare della manifestazione potrebbero non essere sufficienti  e tutto potrebbe esaurirsi con una paella in piazza San Carlo,Alessandro Comoletti, presidente di Federalberghi di Torino e Provincia.L’eventuale cancellazione dell’evento, sarebbe un’altra occasione persa per la città,per la promozione internazionale e la promozione turistica. I turisti  iberici a Torino e con questa iniziativa si sarebbero potuti aumentare i collegamenti aerei nel futuro. Attualmente due volte alla settimana per Valencia, tutti i giorni per Barcellona e Madrid, nessuno a Bilbao.Dal 2017 Caselle avrà due nuove destinazioni in Spagna. La cultura porta business;le edizioni dedicate alla Francia e a Berlino hanno riempito hotel e ristoranti.Venezia o Firenze godono del turismo storico,mentre noi abbiamo bisogno di eventi che motivino i turisti, potremmo ancora vivere di rendita per sei mesi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...